Tips & Tricks: Pennelli

Pennelli, Brush, Revlon, Pupa, Deborah, Essence, Smoky, Hakuro, H77, H67, H74, Pulizia Pennelli, Rae Morris, Cherry Diamond Lips Make-up

Ciao a tutte! Spero stiate tutte bene e che vi siate divertite a Halloween.
Marito ed io siamo stati a casa. Avevamo previsto di andare al Rock'n'Roll (locale a Milano)... purtroppo non siamo riusciti a combinare. Ma poco male... American Horror Story è stato un ottimo ripiego!

Il post di oggi riguarderà i pennelli occhi: come li scelgo e come li curo.
È un argomento sul quale non mi sono mai espressa troppo in quanto non ho particolari preferenze a livello di marchio. Inoltre, non essendo una professionista, non ho particolari necessità e neanche particolari conoscenze tecniche a livello di materiale. Quella che vi illustrerò è la mia esperienza.
COME SCELGO UN PENNELLO
Nella scelta di un pennello applico come prima cosa il T.A.R. cioè il Teorema Aureo di Rae. La Rae in questione, avrete capito, è Rae Morris e il Teorema è tratto dal suo libro 'Makeup The Ultimate Guide'.
Ovviamente scherzo definendolo 'teorema aureo', ma il suo è senz'altro un buon consiglio e dice così:
Ogni volta che volete acquistare un pennello, mettetelo in equilibrio sulla punta. Afferrate il pennello verticalmente, con le setole verso il basso, e fatelo 'rimbalzare' sul dorso della vostra mano dolcemente così da testarne la resistenza delle setole.
Le setole dovrebbero piegarsi leggermente. Se si allargano o si appiattiscono completamente, allora il pennello sarà molto difficile da usare e il trucco andrà a finire ovunque tranne dove vorrete applicarlo.
La cosa funziona, ovviamente, se il pennello potete testarlo.
Nel caso di acquisti online, le prime cose che guardo sono la densità e il taglio del pennello (grazie zoom!). Se decido di acquistare, cerco, infine, foto e review in giro per il web.
Finora, a parte qualche acquisto poco ponderato (pennello da sfumatura di Kiko!), sono stata abbastanza 'fortunata' con i miei acquisti. Tant'è che molti me li porto dietro da un bel po' di tempo.

QUALI BRAND USO?
La mia 'collezione' di pennelli l'ho costruita nel corso degli anni.
I miei primi pennelli furono quelli di un set di Fraulein 38: economici e di buona qualità. Perfetti per chi inizia ad approciarsi al mondo del makeup e alle prime tecniche di applicazione.

Conservo e uso ancora oggi alcuni pennelli di quel set (sono passati circa 8 anni) e a parte qualche graffio sul manico, sono ancora in buone condizioni.
Ora ho chiuso con i set e preferisco l'acquisto di pennelli singoli così da evitare doppioni.

Come vi anticipavo prima, non ho un brand preferito. I pennelli li acquisto se mi servono o se sono incuriosita dalla loro forma. Inoltre, mi sono data un 'budget' di acquisto per pennello di circa 12-13 euro.


Pennelli, Brush, Revlon, Pupa, Deborah, Essence, Smoky, Hakuro, H77, H67, H74, Pulizia Pennelli, Rae Morris, Cherry Diamond Lips Make-up
Alcuni dei miei pennelli Hakuro preferiti
Pennelli, Brush, Revlon, Pupa, Deborah, Essence, Smoky, Hakuro, H77, H67, H74, Pulizia Pennelli, Rae Morris, Cherry Diamond Lips Make-up
Pennelli low cost dalle ottime prestazioni
Pennelli, Brush, Revlon, Pupa, Deborah, Essence, Smoky, Hakuro, H77, H67, H74, Pulizia Pennelli, Rae Morris, Cherry Diamond Lips Make-up
Pennello d'arte usato per l'eyeliner in gel. Economico e performante!
Nel mio stash convivono allegramente brand come: Essence, Armani, Diego Dalla Palma, Tigotà, Catrice, Deborah, Pupa, Hakuro, pennelli dei cinesi', pennelli presi in colorificio, Kiko, Deborah, Pupa, etc.
Non possiedo pennelli 'professionali' (MAC, Sigma, etc) in quanto li ritengo troppo costosi (il budget!) e non necessari per l'uso che ne farei. Non nego che mi piacerebbe tantissimo possedere un set di Sigma, ma non lavorando come makeup artist penso che per le mie tasche sarebbe solo una sberla molto dolorosa.
Nelle foto in alto, vi ho postato alcuni dei pennelli che più uso e amo.

COME LAVO I MIEI PENNELLI
Penso che la lunga vita dei miei pennelli, sia dovuta alle modalità di 'pulizia' che uso.
Evito detergenti forti, detergenti per piatti (!), acqua raggia (!!), olio di oliva, etc. Sul web ho letto tantissime cose riguardo la cura e la pulizia dei pennelli... ma come ogni cosa, va sempre preso tutto con le pinze.
Personalmente, preferisco affidarmi a saponi naturali o ad uno shampoo delicato tipo Johnson's Baby.

Lavaggio con il sapone
Uso saponi naturali: uno mi è stato regalato da un'amica (potete usare anche il sapone marsiglia!) e altri li ho portati dal Messico (erano super naturali e fatti a mano!)
È la modalità più lunga, in quanto bisogna pulire un pennello alla volta.
Dopo aver passato il pennello sul pezzo di sapone, lascio agire i detergenti per una decina di minuti. Infine, risciacquo accuratamente.

Lavaggio con lo shampoo
Per quanto riguarda lo shampoo, quello delicato è il migliore in assoluto.
Ho adottato da poco questa modalità di pulizia, prendendo alla lettera i consigli di Eman, una makeup artist canadese che nel seguente video illustra il suo metodo: How to Clean Makeup Brushes - Makeup by Eman.
In alcuni contenitori (es. piatto fondo in plastica) metto un po' di acqua tiepida (non superando l'attaccatura tra setole e manico) con un cucchiaio di shampoo. Posiziono i pennelli nel contenitore e lascio agire lo shampoo per 10-15 minuti, girando i pennelli di tanto in tanto. Finito il 'tempo di posa', risciacquo i pennelli in acqua tiepida.

Asciugatura
Strizzo i pennelli uno a uno (tra due dita) cercando di togliere la maggior quantità di acqua possibile e, infine, risistemo le setole.
Appoggio lungo il bordo della vasca da bagno un asciugamano e sopra ci posiziono i pennelli dalla parte del manico, lasciando le setole 'all'aria' (non poggiate sulla superficie). Così facendo l'aria passa da sopra e sotto facendo sì che il pennello si asciughi in tempi brevi.

CURA E MANTENIMENTO
Non ho particolari cure riguardo ai pennelli...forse, solo, qualche accortezza.

1. cerco di non avere mille, milla pennelli sul mobile trucco. Tengo fuori quelli che mi servono e gli altri li ripongo al riparo in un cassetto.

2. Uso i detergenti per pennelli con moderazione. Sono prodotti non delicati che, secondo me, tendono a rovinare le setole. Li uso solo se devo truccare qualcun altro oppure per pulire velocemente i pennelli la sera (usando minime quantità).

3. Non metto i pennelli in mini-pochette correndo il rischio di rovinare forma e setole. Ho un piccolo kit da viaggio che ho messo insieme riciclando pennellini trovati nelle palette, etc.

4. Lavo i pennelli ogni settimana. Conosco gente che non ha mai lavato i suoi pennelli in anni (dico: ANNI) di utilizzo. Come avrete capito, si tratta di gente non esperta... quindi DIFFONDETE IL VERBO.
Fondotinta, correttori, primer sono prodotti grassi. Residui di questo tipo, fanno sì che polvere, sporcizia e microbi vivacchino in allegria e buon umore sulle setole del vostro pennello.
Ho notato che se non lavo i pennelli per 2 settimane, la quantità di brufoli/punti neri tende ad aumentare visibilmente. Già ho la pelle impura e grassa... quindi immaginate il gaudio!

ULTIMO TIP? COSTRUITEVI I PENNELLI!
Se un pennello è da buttare, solitamente non butto via il manico. Lo tengo da parte.
Capita, infatti, di trovare mini-pennelli di buona fattura e comodissimi in omaggio nelle palette (come di Dior!) che hanno il solo difetto di avere manici troppo piccini.
Quello che faccio è smontare il manico piccolo e montarci al suo posto il manico di un pennello più grande (uso l'attack). Bisogna solo smanettare un po'. Provateci e vedrete che non ve ne pentire :)

Spero di esservi stata utile... e se avete qualche suggerimento da darmi, vi ascolto più che volentieri!

Jess


3 commenti:

  1. Ma sei un genio del male!!! Io non ci provo nemmeno a fare queste cose manuali perché tanto so già che non verrebbero come voglio io e ne ricaverei solo un'arrabbiatura.
    Io sono una di quelle che lava i pennelli raramente... c'è anche da dire, però, che ultimamente mi trucco solo nel week-end e non faccio mai cose con seimila colori/prodotti/ecc. (purtroppo, aggungerei, ma il tempo è quello che è). Quindi i pennelli si sporcano anche mooooolto meno.
    Per dire, dopo il trucco Calavera li ho lavati xD
    Io sono poi una grande fan dei set, invece, perché spargo i pennelli in giro dappertutto e quindi i doppioni, specie dei pennelli a lingua di gatto, mi sono estremamente utili.

    RispondiElimina
  2. hahaha queste sono le mie fisse hahaha in effetti ogni tanto ci rimetto unghie e pazienza, ma se un pennellino è bello allora lo devo poter usare!
    Hai ragione, in effetti se li usi poco non ha senso lavarli sempre. Io li uso spesso e anche cazzeggiando trovo il tempo per sporcarli.
    Per i trucchi 'special fx' o con materiali particolari, uso dei pennelli vecchi che non vanno più bene per il quotidiano. Tipo un vecchio pennello da fondo di bottega verde è diventato il mio pennello per l'applicazione dei fondi bianchi, etc.
    I set sono comodissimi, è vero (ora sono in palla su un set da viaggio trovato su amazon... non so se prenderlo!), ma preferisco non avere troppe cose perché casa mia è mignon (e non posso togliere altri cassetti al marito!) Come sempre ti mando un bacioneee :* e grazie per il commento <3

    RispondiElimina
  3. […] lo uso e non posso più farne a meno. Lavato più volte (se volete saperne di più, cliccate qui: Tips&Tricks Pennelli), non ha mai perso peli e forma. Super consigliato, lo trovate da […]

    RispondiElimina

Ricevere commenti è sempre bello... per cui vi ringrazio!
Evitate, però, il follow4follow o di scrivere commenti o link per farvi seguire. Inoltre tutti i commenti offensivi (a me o ad altri) verranno rimossi.
Rispettate il mio spazio così come io rispetto il vostro. Grazie :)